sabato 6 dicembre 2014

alti e bassi ma tengo duro!



Peso: 65,1 kg

Ragazze, scusate se ultimamente sono un po’ assente ma è un periodo incasinatissimo e il tempo libero è diventato quasi un’utopia (anche perché in ogni ritaglio di tempo la voce della coscienza mi suggerisce di approfittarne per studiare, ma non sempre le do ascolto!). Riprendo fiato in questi tre giorni per poi immergermi nell’ultima pienissima settimana prima della partenza. Devo ancora fare milioni di cose ma cerco di non farmi prendere dal panico e per assecondare il mio lato ossessivo-compulsivo stilo decine di liste di cose da fare e di tabelle, cosa che ho sempre trovato molto rassicurante.
E, per rimanere in tema di liste e di tabelle, ecco due liste parallele di cose positive e negative che mi sono successe in questi dieci giorni, con lo scopo di fare un piccolo bilancio della mia situazione, a quasi un anno dall’apertura del blog.

Cose negative:
1.       Mercoledì avevo il pomeriggio libero e avevo programmato di andare alla Fiera dell’Artigianato per comprare qualche regalo di Natale – per mia fortuna comincio sempre con larghissimo anticipo, per cui non me ne mancano molti da comprare, anche se quest’anno ho avuto pochissimo tempo da dedicare allo shopping natalizio e mi sono dovuta affidare molto ad Amazon e Privalia! – e assaggiare tante cose buone ma mi sono svegliata con nausea e giramenti di testa e dopo pranzo ho dovuto procurarmi il vomito perché stavo malissimo.
2.       A causa della maledetta influenza intestinale ho saltato due giorni di lezione e ora ho tantissimi appunti da copiare, che rubano tempo al già poco tempo che avrei per lo studio.
3.       Ho dovuto rivedere il calendario degli esami che mi ero fatta per la sessione di gennaio-febbraio perché ero stata troppo fiduciosa e ne avevo programmati cinque, mentre probabilmente dovrò sacrificarne uno. Io odio rivedere i miei piani, come avrete ormai intuito, e questa cosa mi ha provocato un pomeriggio intero di bruciori di stomaco e rimorsi di coscienza! Però non voglio rischiare di rovinare tutta la sessione per dare un esame in più, sarebbe sciocco rischiare di abbassare la media quando manca così poco (?) alla laurea.
4.       Ieri sera alla festa di laurea di A., reduce da due giorni di riso basmati in bianco, ho mangiato anche cose che non avrei potuto mangiare e ne ho pagato le conseguenze con un risveglio terribile questa mattina: ancora nausea, mal di pancia e avevo caldissimo. Ho dovuto rimandare un impegno di lavoro e ho passato la mattina a poltrire sul letto, cosa che detesto e che mi fa sentire tantissimo in colpa.
5.       Ho rifatto le analisi del sangue e questa volta il valore del TSH è nettamente sopra il limite, anche se gli altri due valori collegati alla tiroide sono ancora nella norma, il che significa che per adesso il mio corpo riesce a mantenere la tiroide attiva limitandosi a produrre più TSH del dovuto ma dovrò portare i miei esami ad un endocrinologo. Però è l’unico valore sballato che ho (a parte la glicemia bassissima ma quella è routine).

Cose positive:
1.       Alla laurea di A. è andato tutto benissimo, lui ha preso un bellissimo voto, il mio regalo gli è piaciuto moltissimo e alla fine ero soddisfatta di come mi stava il vestito. Le sue compagne di corso hanno detto che ero bellissima e dato che non mi avevano mai vista prima e non avevano motivo di mentire posso anche accettare il complimento.
2.       Ho chiesto la tesi ed ho cominciato a lavorarci. Nei giorni dell’influenza intestinale ho anche scritto qualche pagina, mercoledì ho il colloquio con il professore e spero ne sia soddisfatto. Ho in programma di laurearmi tra settembre e dicembre, quindi ho un bel po’ di tempo, ma avere un argomento su cui lavorare e avere iniziato a farlo mi fa sentire al sicuro, almeno per quanto riguarda la tesi.
3.       L’influenza intestinale mi ha fatto perdere un chilo e mezzo in due giorni! Ma la bella notizia, bella davvero, è che per la prima volta negli ultimi anni non sono stata contenta di prendermi l’influenza intestinale per poter perdere peso senza sforzo ma ci sono rimasta malissimo, il che mi sembra una reazione sana e comprensibile e mi ha fatta sentire una persona molto normale.
4.       Mercoledì mi sono procurata il vomito perché stavo troppo male e so che quando sto così male solo vomitare mi aiuta. All’inizio ero titubante perché non lo facevo da più di un anno e temevo che ripetere un gesto che per un periodo è stato così “naturale” potesse in qualche modo farmici riprendere gusto, invece ho notato con somma soddisfazione che mi ha fatto assolutamente schifo ed è stato anche discretamente doloroso (anche perché buona parte dei miei problemi di reflusso gastrico e bruciori all’esofago, oltre al problema del lievito di recente scoperta, derivano anche dal fatto che ho l’esofago rovinato dagli anni della bulimia) e quindi non penso proprio che lo rifarei più con tanta leggerezza.
5.       Finalmente mi riconosco guardandomi allo specchio. La coltre di grasso che mi rendeva estranea a me stessa si sta finalmente assottigliando e riesco a rivedere i lineamenti del viso, le ossa delle spalle, la forma a clessidra della mia vita. Secondo la dietologa (che vedrò venerdì per l’ultima volta prima di una pausa fino a fine esami) mi troverei solo ad un paio di chili dal mio peso ideale e anche se io non la penso assolutamente così – da vestita, vi dirò, mi piaccio abbastanza, ma in costume o nuda sono ancora piena di ciccia tremolante che deve sparire prima della prossima estate – noto la differenza e la cosa mi fa sentire molto più tranquilla e serena. Non ho più neanche la pretesa di perdere un chilo alla settimana, mi basta mantenere il peso e scendere lentamente ma costantemente. Vorrei essere stabilmente sotto i sessantaquattro prima della partenza in modo da avere un margine abbastanza alto per ingrassare. Ho stabilito che non devo superare i 67-68 al ritorno e spero di poter tener fede alla mia promessa.

Buon weekend, carissime, divertitevi e riposatevi!

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Ciao Euridice :) mi fa davvero piacere tu stia riuscendo nella tua impresa! Sei davvero bella *-* quindi meriti questa possibilità!

    Z.

    RispondiElimina
  3. La tua lista di cose positive/negative mi ha fatto pensare a quando io devo compiere una scelta tra 2 alternative, e faccio la lista dei pro/contro per capire meglio quale scelta sia meglio operare...
    Refusi a parte, io credo che le liste siano molto efficaci per mettere nero su bianco, e dunque focalizzare la nostra attenzione, su ciò che è stato, e su ciò che può essere. In questo caso, la tua lista delle cose positive può aiutarti a imparare a vedere quanto c'è di bello nella tua vita, e a viverlo a pieno apprezzandone tutto il suo valore... allo stesso tempo, la lista delle cose negative di permette di vedere cosa c'è che non va... e, nel momento in cui ne prendi coscienza, puoi anche cercare di vedere se c'è modo di cambiarlo in futuro, di migliorare le cose che sono andate storte affinchè non si ripetano...
    Un abbraccio forte...

    RispondiElimina