domenica 4 gennaio 2015

la fine di un viaggio, l'inizio di un anno



Peso: 67,3

Sono tornata in Italia e questa mattina ho ricevuto il temuto verdetto della bilancia: sessantasette chili e (quasi) mezzo. Tre chili e mezzo in più rispetto al mio record pre-partenza, “solo” due chili e mezzo in più rispetto all’ultimo incontro con la bilancia, la mattina della partenza.
#fase 1 – panico
Inserisco il peso nell’app che uso per controllare i miei progressi (?) e subito la linea sul diagramma che segna le variazioni di peso schizza verso l’alto. La media della perdita di peso passa da -0,8 kg a settimana a +0,7 e immediatamente mi prende il panico. Sono destinata ad essere grassa, ora il mio stomaco abituato ad ingerire cibo a qualsiasi ora del giorno non accetterà l’astinenza e mi trascinerà in un circolo vizioso di binge che mi riporterà al peso massimo di quest’estate. E altri pensieri di questa sorta.
#fase 2 – razionalizzare
Cerco di non perdere la testa: del resto sapevo di essere ingrassata. Mi sento gonfia e morbida e sinceramente pensavo peggio, credevo addirittura che avrei rivisto il settanta. In proporzione, se pensate che di solito mi basta mangiare di più una sera per vedere il peso aumentare di un chilo o un chilo e mezzo, tre chili e passa per due settimane di alimentazione scorretta e ipercalorica sono una manna dal cielo. Avevo programmato di ingrassare e mi ero imposta come limite ideale 68,5, e rispettare i programmi è un toccasana non indifferente per la mia ossessione per la pianificazione, perciò non ho motivo di andare in paranoia.
#fase 3 – elaborare un piano
Devo riabituare il mio corpo all’alimentazione corretta di prima senza cedere alla tentazione di un cambio di direzione repentino che mi regalerebbe soddisfazioni rapide (digiunare dopo aver mangiato come un camionista per due settimane mi farebbe perdere due chili di botto, ne sono certa) ma effimere. Questi, dunque, saranno dei giorni “cuscinetto”: comincerò a diminuire piano piano le dosi ed arriverò ad eliminare, almeno per qualche settimana, zuccheri e carboidrati in modo da sgonfiarmi e ritornare al peso di partenza. Non dovrebbe essere troppo difficile perché, complici gli esami, si prospettano settimane di clausura e quando sono a casa da sola non mangio mai tanto, per di più lo stress mi toglie la fame, quindi gennaio è sempre stato un momento propizio per dimagrire.
So che è una convenzione e che è solo un numero ma ho sempre amato la sensazione di onnipotenza dei primi giorni dell’anno nuovo, quando sembra di poter portare a termine qualsiasi buon proposito e si ha l’impressione di aver la carica per fare qualsiasi cosa. Tuttavia il mio primo proposito non è a così lungo termine, riguarda solo le settimane a venire: studiare con costanza ma senza privarmi delle cose che mi fanno stare bene (vedere gli amici, uscire qualche sera) e stare attenta a quello che mangio senza farmi prendere dall’ansia di dimagrire tanto e dimagrire in fretta. L’estate è ancora lontana, posso prendermi il tempo di cui ho bisogno e lavorare sul corpo e sulla mente senza pressioni.


Vi lascio con la foto di una targa che mia cugina tiene in bagno (per trarne ispirazione mentre si è seduti e non si ha nulla da leggere, dice) che vorrei diventasse il mio elenco di propositi per questo nuovo anno. vi auguro tutto il meglio, e “che ogni attimo sia sempre meglio di quello passato”. Buon 2015!

13 commenti:

  1. Mi è piaciuta molto la tua escalation da panico a elaborazione piano....è 1 discesa consapevole e intelligente...tuttavia capisco ke 3 kg in più dp la fatica fatta x perdere peso siano 1 dolorosa bastonata....io x 2 etti già vado in panico e la giornata mi è produttivamente ed emotivamente rovinata. Tipo cn il ciclo peso 8 etti in più in modo immotivato e cmq, nonostante il tentativo razionalizzante, tengo broncio e nervosismo molto palpabili cm se in qualunque modo la colpa fosse mia e irrimediabile. Il tuo piano d'azione è molto saggio....ma sn curiosa: cn la tua dietologa avete pianificato di "mantenere 1 po' di curve" o ritornare di 1 "snello sano"? Xk sai sn molto "affascinata" dalla fiducia ke le hai accreditato e nn riesco a vedere se non nella mia brutta esperienza: qnd seguivo la dieta del furioso ero sempre gonfia e...nonostante le 1600 kcal impostate x ingrassare, ogni sera era 1 disastrosa e compulsiva abbuffata....e, smessa la sua dieta, riprendendo a fare a modo mio, le abbuffate sn tornate in 1 range periodico molto meno intenso, quasi solo ormai x motivo emotivo/esterno. Ti giuro ke avevo davvero paura in quel periodo...arrivò a dirmi ke le cieche crisi bulimiche erano sinonimo di buon sano appetito!! Nonché qnd smisi la dieta e tornai da lui notevolmente dimagrita e tornando ai 47 kg si scagliò su di me cn 1 violenza verbale inaudita, arrivando a predirmi (diciamolo pure augurarmi) tumori e danni x la pillola anticoncezionale. Si insomma....allucinante. Nn ci sn piu' tornata ma ne sn rimasta molto segnata. Ora ho paura dei dietologo. Davvero ...ma proprio paura....nn rabbia.....PAURA!!

    RispondiElimina
  2. Sai sn molto interessata alla tua esperienza...mi infonde speranza..xk ho preso coscienza di aver bisogno d'aiuto. Ora il prossimo immenso passo sarà convincersi di meritarlo.....

    RispondiElimina
  3. Ammiro molto la tua capacità di razionalizzare e calmarti, non è da tutti! Poi sono sicura che buona parte del peso che hai "ripreso" sono liquidi e gonfiore e hai fatto benissimo a goderti i giorni con le persone a cui tieni di più senza lasciare ai pensieri e alle "vocine" di influenzarti e rovinarti la vacanza! È questo l'importante, no? Sei stata più forte di tutto ;) e sono sicura che ne è valsa la pena, ti invidio molto chissà che bello visitare gli USA! Bellissima la frase della targa! Un bacio :*

    RispondiElimina
  4. Ciao... sai, sei stata bravissima a razionalizzare. Le oscillazioni di peso, è una cosa che cerco di ficcarmi in testa anch'io, sono del tutto FISIOLOGICHE. Può capitare un momento in cui si prendono anche tre, quattro chili che però sono destinati ad andarsene non appena si ripristina lo stato precedente, le vacanze di Natale ne sono l'esempio lampante. D'altronde - penso in questi casi - le persone "normali", nel senso di persone che non danno particolare importanza al corpo, al peso, all'alimentazione (come invece facciamo noi che inevitabilmente abbiamo sempre un occhio e un pensiero a queste cose) non si imparanoiano troppo, ci scherzano anche su. E poi davvero nessuno ci fa caso, a meno che non sia una variazione di peso veramente veramente eccessiva, cosa che però è impossibile nell'ambito delle normali oscillazioni :)

    Finita sta pappardella: possa l'anno nuovo portarti tutto quello che desideri. Sappi, per quanto può valere, che penso tu sia da ammirare tanto: per il bellissimo lavoro che stai facendo non solo sul tuo corpo, ma soprattutto sulla tua testa... su te stessa. Un bacione:*

    RispondiElimina
  5. Ciao Euridice, vedere come hai mantenuto il controllo e non ti sei lasciata andare a una spirale di pensieri ansiogeni è meraviglioso! :) Complimenti davvero! Mi lascia perplessa solo il tuo "piano", te l'ha suggerito la dietologa o è un'iniziativa tua? Ottimo non stroncarti con un digiuno, ma perché mai vorresti eliminare completamente zuccheri e carboidrati per qualche settimana? Rischi la chetosi e tutti gli scompensi metabolici annessi e connessi. Oltre che pericoloso per la salute mi pare anche controproducente per dimagrire a lungo termine... non prendere decisioni avventate con una dieta sbilanciata. Bentornata.

    RispondiElimina
  6. Il viaggio non è finito... dura tutta una vita... esso stesso è vita.
    Si è arrivati solo quando si è morti. Dentro o fuori.
    Quanta fatica su questa strada che non sembra finire mai.
    Quanta bellezza lungo questa strada, che non vorremmo finisse mai...

    RispondiElimina
  7. Ciao...fantastica la scaletta! Come ti hanno detto, non commettere l'errore di lasciarti scoraggiare da qualche chiletto che tra l'altro può essere gonfiore, ritenzione idrica e bla bla bla... Porta con te solo il ricordo della vacanza e recupera la grinta per iniziare al meglio, come ti prefiggi, questo nuovo anno! Un abbraccio Euridice !!

    RispondiElimina
  8. Ciao Euridice!
    Sono contenta che riesci a razionalizzare e a controllare quello che hai in mente di fare, un abbraccio :)

    Z.

    RispondiElimina
  9. anche nei momenti NO è un piacere sapere che ti dai da fare e non ti butti da sola nel baratro del fallimento!!!! combatti! forza...

    RispondiElimina
  10. Mi fa piacere sentire che non ti fai abbattere da qualche chilo in più! Alla fine è normale ti sei goduta la vacanza hai fatto bene:) molto di quel peso è solo gonfiore sicuramente che sparirà appena riprenderai l'alimentazione di sempre!
    Ti auguro un anno felice,un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ahah avere qualcosa da leggere in bagno fa sempre comodo! E se è così motivante poi è anche meglio!
    Non hai superato il tuo "limite ideale" e hai già elaborato un piano per riprendere in mano la situazione: bravissima! Sei motivo di orgoglio! Un bacio e in bocca al lupo per gli esami!

    RispondiElimina
  12. Mi piace l'importazione del post : mette in luce il fatto che, pur non riuscendo ad eliminare determinati pensieri, si può riuscire ad ignorarli e a non trasformarli in azioni deleterie.
    Buon 2015 e in bocca al lupo per gli esami!

    P.s. le foto del viaggio sono bellissime *.*

    RispondiElimina
  13. Sappi che stimo tua cugina anche senza conoscerla!.. La targa che tiene appesa in bagno è stupenda!... E' di grande incoraggiamento nonchè motivazione... fa proprio bene a leggere tutti i giorni una cosa del genere!.. Io faccio una cosa simile con i Post-It con le frasi positive che attacco allo specchio (ehm... tra poco ci sono più Post.It che specchio...), per cui la trovo davvero una grande idea...!

    RispondiElimina