giovedì 13 novembre 2014

giorni felici

Peso: 67,7 kg

Il post di Viellina, con la sua positive challenge, mi ha fatto realizzare che uso questo spazio principalmente per scrivere cose tristi, il che per certi versi è totalmente comprensibile, del resto, come disse una mia professoressa del liceo a qualcuno che le aveva chiesto come mai le poesie più belle della storia letteraria italiana siano tutte deprimenti, chi è felice non scrive, vive.
Tuttavia questa sera voglio andare un po' controcorrente e mettermi alla prova, perciò cercherò di aggiornarvi solo sulle cose positive che mi sono successe dall'ultima volta che ho scritto. 
  1. Oggi io e il mio fidanzato facciamo quattro anni insieme. Per festeggiare ieri sera siamo andati a cena sul tram - è una carrozza di metà ottocento e si mangia mentre lentamente percorre le vie del centro storico - ed è stato stupendo e molto romantico, anche perchè la pioggia e le luci rendevano tutto davvero spettacolare. La serata si è conclusa con lo scambio dei regali, A. mi ha preso un anello bellissimo solo che dovremo andare a cambiarlo perché è almeno di due misure più largo del mio dito. La cosa, a me che qualche anno fa mi sarei fatta decine di paranoie sul bad omen, non mi ha sconvolta troppo, spero solo di trovarlo uguale della mia taglia perché è davvero bello.


  2. A cena ho mangiato tutto (anche perché c'era un mix delle mie cose preferite: patate, gnocchi, zola, polenta...) mettendo da parte le voci nella mia testa e ho bevuto almeno tre bicchieri di vino rosso, che io adoro e non bevevo da tempo. 
  3. Mi sono sentita bella come non mi capitava da mesi, forse più di un anno, con un vestitino molto stretto in vita e le scarpe altissime. Ero persino andata a farmi fare la piega dai cinesi ma era umidissimo e i capelli si sono smontati prima della fine della serata.
  4. Nonostante gli sgarri di ieri sera questa mattina pesavo "solo" settecento grammi più di ieri mattina. Il peso sembra essersi finalmente sbloccato e per fortuna la serata fuori non ha inciso troppo, il che mi ha permesso di essere più tranquilla e indulgente con me stessa e questa mattina mi sono comprata una gonnellina color senape, per premiarmi.
  5. Martedì ho visto la dietologa, mi ha detto che quando mi sembra che il peso si blocchi non devo assolutamente mangiare di meno, anzi, perché così renderei il metabolismo ancora più lento. Mi ha detto che è normale che succeda e che devo avere pazienza perché d'ora in poi perdere peso sarà più difficile visto che mi avvicino al peso giusto per il mio corpo (giusto secondo lei, secondo i miei calcoli dovrei perdere ancora una decina di chili).
  6. Ho comprato il vestito per la laurea del mio fidanzato. Sono stata a lungo indecisa perché ha degli inserti in pelle e mi sembrava troppo "aggressivo" ma ho pensato che sarà un bel contrasto col mio viso da bambolina e ho deciso di osare. Avrò fatto bene?
  7. Oggi pomeriggio sono stata presa dalla mia abulia ma non mi lascio frenare: domani ho la giornata libera (non vado a lezione perché c'è sciopero dei mezzi e non lavoro nel pomeriggio) e quindi potrò dormire fino a tardi, studiare e poi nel pomeriggio esco con A. per cambiare l'anello e cercare la cravatta per la sua laurea.
Mi fa davvero strano aver scritto un post intero senza lamentele, ma ve lo meritate visto che vi subite tutte le mie paturnie.
Un bacio!

   

27 commenti:

  1. Quante belle novità, Euridice!

    E l'aspetto migliore fra tutti, il fil rouge che lega tutte queste esperienze piccole e grandi, è l'ottica positiva che sei riuscita a mantenere, e che ti permette di goderne appieno.

    P. S. Anch'io talvolta mi ritrovo a pensare che la letteratura, e più in generale l'arte, si nutra prevalentemente di sofferenza; che il poeta sia una sorta di misfit, o per utilizzare un termine più corrente, un nerd fisicamente e socialmente infelice, un po' disadattato.

    Ma pensa ad esempio a Casa sul mare di Montale:

    (...) Penso che per i più non sia salvezza,
    ma taluno sovverta ogni disegno,
    passi il varco, qual volle si ritrovi.
    (...).

    C'è amarezza, senso di sconfitta, d'accordo... ma anche speranza.
    Noi tutte, più o meno, stiamo passando quel varco... magari non ci ritroveremo come vogliamo... o magari, persino migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, vi confesso che Montale lo conosco poco. Quel che si studia al liceo, nel frenetico periodo prima della maturità, ma non l'ho mai avuto tra le mie letture di piacere. Però ho cercato Casa sul mare e poi mi sono persa a leggerne altre mai lette prima (avevo comprato l'opera omnia su una bancarella di libri usati per un discorso più che altro estetico!) e mi ha regalato una mezz'ora davvero piacevole, grazie del l'ispirazione letteraria! :)
      Comunque spero davvero che questo sia il varco che mi porti ad essere quella che vorrei, o almeno migliore di quella che sono adesso.
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Oh, mi rallegra sentirti parla di tutte queste piccole (grandi!) cose belle. Anch'io sono colpevole di scrivere soprattutto quando sono triste, e forse dovrei fare a mia volta questo esercizio di positività.
    In ogni caso il vestito aggressivo mi piace un sacco! Stai benissimo, dunque: osa!!! ;)
    E congratulazioni per l'anniversario e per esserti goduta la cena, brava. :) Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È inevitabile, la scrittura ha un grande potere terapeutico e per questo si tende a scrivere soprattutto quando si è di cattivo umore, anche perché mettere nero su bianco le nostre emozioni ci aiuta a razionalizzarle e scrivere del dolore aiuta in qualche modo a lenirlo. Almeno, per me è così.
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Sei tu che meriti un post del genere, non noi. Concentrati sugli aspetti positivi della tua vita non può che farti bene!
    Trovo adorabile questa cosa del tram *.* oltretutto il punto 1 è quello che preferisco perché non ha a che fare con la dieta
    Comunque anche io amo la polenta ;)

    Un bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s. Thumbs up per il vestito ;)

      Elimina
    2. La polenta è una delle cose che più mi piacciono dell'inverno, insieme al fuoco che scoppietta nel camino e alla sensazione di piacere che si prova quando si rientra nel caldo di casa con le guance rosse per il freddo! :)
      Comunque sono contenta che il vestito ti piaccia, ero davvero molto dubbiosa e ho ancora qualche riserva, lo confesso!
      Un bacio!

      Elimina
  4. Il vestito è favoloso!!!! Mi piace da morire e sicuramente su un visetto come il tuo con i boccoli dorati che hai...starà super bene! Che scarpe metterai?
    Sono molto felice di sentirti positiva, ti meriti ogni cosa buona e ogni felicità :)
    Anche a Roma c'è il tram storico x cenare e ascoltare il jazz, mi piacerebbe tanto andarci.
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps dimenticavo di dirti che questa forma di abito ti sta da paura, vitino di vespa e gonna ampia, ti dona davvero molto!

      Elimina
    2. È stata la forma a colpirmi, infatti. Stavo cercando un vestito che avesse questa ferma proprio per sfruttare i miei punti forti e nascondere il mio sederone! :) Metterò delle décolleté scamosciate con plateau, tacco 12, piuttosto semplici ma utili per slanciare la figura. Se piove ho anche delle stringate di Armani con il tacco lavorato, anche quelle molto alte ma più invernali come modello.
      La cena in tram devi assolutamente farla, e ora che mi dici che c'è anche a Roma cercherò di andarci la prossima volta che mi capita di venire nella tua bellissima città! Io amo Roma, è la città più bella del mondo! <3

      Elimina
  5. Abito stupendo, non sapevo esistesse un tram simile a Milano! Felicissima di sentiti così positiva e piena di vitLita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un bel po' di anni che esiste, si chiama ATMosfera! Avevo già provato ad andarci ma il sistema di prenotazione prima era un casino perché bisognava andare al punto ATM oppure chiamare il servizio clienti mentre da un po' di tempo si può prenotare online e finalmente sono riuscita ad andarci! :)

      Elimina
  6. guarda che non solo piace a noi lettori la tua positività ma per esperienza personale ti assicuro che più ti sforzi a pensare positivo e più (piano piano) diventerà un'abitudine... detto questo l'idea del treno è stata stupenda*-* qui da noi certe cose nemmeno a pensarle... (non abbiamo nemmeno un treno quindi pensa)...per l'anello non disperarti, qualcosa si troverà!!! infine ti assicuro che il vestitino è fenomenale e spero di trovarne uno simile io per il mio compleanno... ti dove l'hai preso?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa cosa dell'abitudine alla positività me la dicono tutte le persone ottimiste che conosco, eppure io sono troppo abituata alla negatività per crederci ;)
      Il vestito è di Rinascimento. L'ho preso in un negozietto non lontano da casa mia ma so che è una marca diffusa in tutta Italia, tra l'altro compreso di giacca costava qualcosa come 130-140€ quindi direi che è anche abbastanza abbordabile.
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. Cena sul tram ^_^
    Romantico!!! innanzitutto tanti tanti auguri per tanti tanti altri anni insieme.
    Quel vestito è molto bello ed effettivamente hai un vitino cara Euridice che fa invidia a tante altre. Io non avrei osato per il semplice fatto che metto vestitini e gonne solo sotto minacce e ricatti -_-
    Ma su di te, con quelle spalle e quella vita stretta sta d'incanto, ed effettivamente è un bel contrasto con la tua figura da bambolina innocente (detto in senso positivo nè !!! ).
    Ora sono curiosa pure io di vedere le scarpe che gli abbini e sapere se i boccoli biondi li lasci giù ribelli o li raccogli.
    Ciao ciao biondina :)
    ahhhh e complimenti per il peso, la perseveranza ripaga i nostri sforzi, sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I capelli pensavo di lasciarli sciolti proprio per sfruttare il contrasto, anche se dipende dal tempo perché se piove sarò costretta a raccoglierli per evitare di ritrovarmi a fine giornata con una chioma leonina crespa e floscia. Invece per le scarpe pensavo a delle décolleté scamosciate nere oppure a delle stringate con il tacco lavorato, anche qui dipenderà dal tempo. Ho anche preso un cappottino nero che dovrebbe andar bene per questa stagione in cui non fa ancora abbastanza freddo per un cappotto pesante ma è troppo freddo per un trench.
      Un abbraccio!

      Elimina
    2. Bella bella :D
      Spero che il risultato ti incoraggi a vederti con un'altra ottica, meno critica e più piacevole ;)
      Un abbraccio a te!!!

      Elimina
  8. Penso che il "gioco della positività" faccia sempre bene... non solo a chi ti legge, ma anche e soprattutto a te stessa. Non è facile entrare nell'ottica di una mentalità positiva (almeno, per me non lo è), però è un po' come ogni nuova attività: i primi passi sono difficilissimi, poi più lo fai e più ci prendi la mano... E io credo che prenderci la mano nella positività valga davvero la pena, perchè è una di quelle cose che ti possono dare una marcia in più, soprattutto nei momenti più difficili della vita... In fin dei conti, è scientificamente dimostrato che il nostro cervello è un organo reiterativo: più fai una cosa, più ti viene di default il farla...

    Per quanto riguarda l'abito di cui hai postato la foto... personalmente non potrei mai indossarlo, perchè fa a cazzotti pesi con la mia struttura fisica... però a te sta davvero bene, quindi secondo me hai fatto un ottimo acquisto, poichè mi sembra che questo abito metta in risalto quelli che sono gli aspetti migliori del tuo fisico. Inoltre il colore dell'abito è perfetto per creare contrasto con quello dei tuoi capelli!...

    P.S.= Mi ha colpito la frase che ti ha detto la tua professoressa del liceo... fondamentalmente, sono d'accordo. Anche per me è più facile scrivere le cose tristi che non quelle felici... forse semplicemente perchè la felicità (che è così rara!...) me la voglio vivere, e non lasciar portare via dalle parole...

    Un abbraccio!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quando si è felici non si ha voglia, tempo o bisogno di raccontarlo, si vive il momento e basta. Io, in particolare, lo vivo con l'angoscia che presto succederà qualcosa di brutto che me lo farà rimpiangere e quindi devo godermi ogni istante! Anche su questo aspetto del mio carattere dovrei lavorare.
      Comunque una mia amica, mia guru di ottimismo, mi dice sempre quello che mi hai scritto tu: l'ottimismo è un'abitudine che si può prendere. Vedremo!
      Un abbraccio!

      Elimina
  9. Quante cose belle, sono tanto contenta per te :D
    Il vestito è bello, un po' aggressivo, sì, ma l'importante è che tu ti senta a tuo agio! E secondo me no, non devi perdere affatto 10 kg..
    Quando trovi un attimino libero fatti sentire che ci vediamo eh u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come faccio a scriverti in privato?
      Comunque spero che questo periodo incasinatissimo finisca presto, ho bisogno di un po' di relax!
      Ma come non devo perdere 10 kg?! Ho le cosce di un lottatore di sumo! :)

      Elimina
  10. Quanta dolcezza traspare da questo post:)
    La cosa della cena sul tram è spettacolare! E poi mi è venuto da ridere perchè anche a Messina l'azienda di trasporti si chiama ATM, ma è in fallimento da anni e gli autobus sembrano arrivati direttamente dal Burundi, dunque per un attimo mi sono immaginata una cena su un vecchio bus arancione scassatissimo coi vetri sporchi che fa rumore di ferraglia... :D

    Il vestito è davvero bello, e ti valorizza un sacco! Farai la tua porca figura ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ma guarda, ATM fa abbastanza schifo anche a Milano il più delle volte, però questa è una cosa davvero carina che volevo già fare da tempo ma non riuscivo mai a prenotare perché bisognava chiamare il servizio clienti e ascoltare una musichetta per ore prima di riuscire a parlare con un operatore -.-' Però è stato davvero bellissimo!
      Un bacio!

      Elimina
  11. Molto belle le foto , e il vestito ! :) fai bene ad essere positiva . La tua dietologa ha ragione sul fatto che mangiare meno in un periodo di stasi abbassa ulteriormente il metabolismo. Ma ti ha dato lei una dieta precisa da seguire ?
    Comunque hai fatto bene a non farti paranoie anche
    durante la cena con il tuo ragazzo, perché se non ci si concede una trasgressione a tavola almeno in momenti di compagnia, allora quando ?
    In cosa si laurea il tuo ragazzo ?
    B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho una dieta da seguire anche se non è precisissima, nel senso che non ci sono le dosi in grammi delle cose da mangiare ma alcuni abbinamenti di alimenti e uno schema alimentare basato sugli accostamenti (cioè, evitare alcuni abbinamenti e prediligerne altri) che funziona a blocchi di due più un pasto totalmente libero a settimana.
      Il mio ragazzo si laurea in infermieristica, abbiamo fatto scelte universitarie totalmente opposte :)
      Un bacio!

      Elimina